Siena 5 Stelle al “Cozza Day”

Sabato 10 Settembre 2011, sveglia di buon ora perchè alle 8:00 ci ritroviamo ai Due Ponti per prendere il pullman, organizzato dagli amici di Empoli, per Roma. Andiamo a partecipare al “Cozza Day/Parlamento Pulito“, organizzato da Beppe Grillo in occasione del terzo anniversario del V-Day (8 Settembre 2009), in cui chiedemmo –con 350.000 firme– di prendere in considerazione tre proposte di buon senso:

  • niente condannati in via definitiva in Parlamento
  • ripristino delle preferenze elettorali
  • massimo di due mandati (ci sono politici che vantano oltre 10 legislature…)

Niente di così sconvolgente per un paese normale. Ma l’Italia, lo sappiamo bene, deve sempre distinguersi e così queste 350.000 firme giacciono, a prendere polvere, negli scantinati del nostro Senato.

Ci siamo trovati all’ora di pranzo, in Piazza Navona, insieme a tantissimi altri amici provenienti da tutta italia: Sardegna, Sicilia, Trentino, Puglia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto… una moltitudine di facce e sorrisi, di speranza e voglia di combattere per essere ancora degni di sentirsi “italiani”. C’erano giovani, meno giovani, anziani…in una parola, CITTADINI.

Abbiamo sfilato in silenzio da Piazza Navova fino a Montecitorio, educatamente e senza arrecare disagio alcuno. E sotto Montecitorio abbiamo gridato forte la nostra rabbia e la nostra indignazione verso un Governo ed una Opposizione conniventi nel disastro che hanno fatto, e continuano a fare, alla nostra Italia.

Grillo, leader amato ed odiato, non ha avuto bisogno di scorta o bodyguard: era lì, in mezzo a noi, CON NOI. Non ha paura del popolo, non ha bisogno di proteggersi dalla “sua” gente. Non ha auto blu e scorta al seguito, gentilmente pagate da tutti noi. C’è chi dice: “si ma lui è ricco”. E’ vero, lui sarà ricco, ma non ha mai preso soldi pubblici:  il peccato non è esser ricchi, ma arricchirsi sulle spalle di tutti noi cittadini, vessati dalle tasse, dalle imposte, dalle gabelle sempre più pesanti ed ingiuste. E loro, con i loro stipendi mensili da 15.000€, vitalizi da oltre 3000€ al mese, pensioni da 30.000€, non hanno saputo rinunciare a nessuno dei loro privilegi, mentre il nostro paese affonda sempre di più.

E adesso si vergognano pure (come si legge sulla stampa di questi giorni) a farsi chiamare “onorevoli”: ma possiamo ancora essere rappresentati da persone così ?

Foto della manifestazione sono disponibili a questo link: https://picasaweb.google.com/michele.pinassi/CozzaDay

Comments