Gli emolumenti della Fondazione MPS in Consiglio Comunale

Durante la seduta odierna del Consiglio Comunale, in qualità di portavoce del MoVimento Siena 5 Stelle, ho proposto all’assemblea tre emendamenti relativi alla questione degli emolumenti della Fondazione MPS, per “impegnare il Sindaco a chiedere ai proprio nominati in Deputazione”:

  1. che venga proposto il divieto di cumulo in incarichi amministrativi di vertice per tutti i membri della Deputazione Generale ed Amministratrice, in aziende che hanno ricevuto contributi da parte della Fondazione MPS o che dalla stessa siano controllate;

  2. che venga proposta la dichiarazione di appartenenza ad associazioni od organizzazioni, fuorché l’adesione a partiti politici o sindacati, a prescindere dal loro carattere riservato o meno;

  3. che venga proposta la pubblicazione dello stato patrimoniale, ivi comprese eventuali partecipazioni azionarie, di ogni singolo membro delle Deputazioni sul sito web della Fondazione MPS.

Non nego la delusione quando, dagli scranni della maggioranza, sono nuovamente state tirate fuori le imbarazzanti motivazioni “sull’indipendenza della Fondazione e dei suoi nominati”, sottraendosi di fatto al confronto ed al dibattito nel merito delle questioni presentate.

Lo sappiamo bene che, come recita lo Statuto, la Fondazione MPS è un ente privato indipendente ma sarebbe interessante capire come mai le istituzioni pubbliche della città si sono più volte spese per il suo salvataggio in quanto “patrimonio della Città” e poi, non appena si tratta di chiedere l’applicazione tre proposte di semplice buonsenso, ci si trincera nuovamente dietro l’indipendenza dell’Ente.

Un Ente, la Fondazione MPS, che non si vergogna ad elargire “medaglie” di presenza da 1200€ ad ogni Deputato per poche ore di riunione a decidere non si sa bene cosa (e viste le condizioni in cui è stata ridotta la Fondazione negli anni, concedetemi di dubitare della bontà delle decisioni prese…), nei cui confronti la stessa maggioranza consiliare, sempre durante la seduta odierna, non ha voluto portare avanti la richiesta di una doverosa rimodulazione degli importi, allineandoli a quelli dell’Amministrazione Comunale.

Forse erano proposte troppo “populiste” ?

Michele Pinassi,
Consigliere “portavoce” comunale “MoVimento Siena 5 Stelle”  

Comments