Striscia blu, ma quanto mi costi ?

Ricordate della mozione presentata dalle opposizioni, MoVimento Siena 5 Stelle incluso, relativo alle cosiddette “strisce blu”, ovvero i parcheggi a raso con il tassametro, che la neo-eletta Giunta del Comune di Siena, forse dietro stimolo dell’assessore Maggi, impose a pagamento anche nei giorni festivi ?

Ecco, proprio ieri ne abbiamo discusso in Commissione Affari Generali, dove il Presidente di Siena Parcheggi è venuto ad illustrare la situazione economica relativamente a tale decisione.

Ora uno potrebbe immaginare chissà che cifre…bene, vi basti sapere che ogni giorno festivo rende in media circa 3600€ in più, per un totale stimato di 120-130.000€ ANNUALI, ai quali però vanno detratte le maggiori spese della società 100% partecipata dal Comune di Siena (Siena Parcheggi), stimate in circa 40.000€.

Il totale, migliaio di euro in più o meno, circa 85.000€ annui in più per il loro bilancio.

A questo punto sorge spontaneo domandarsi: ne è valsa la pena ? Oltre all’incazzatura che sicuramente molti concittadini hanno avuto nel vedersi imporre una nuova gabella, vogliamo parlare dei mancati introiti dei commercianti senesi, dovuti al minor afflusso di persone nei giorni festivi in città ?

Possiamo quantificare i maggiori disagi e la rabbia nel vedere, la domenica, i parcheggi “blu” vuoti e neanche un posto gratuito libero per fare 4 passi in città ?

E tutto questo per 85.000€, che non necessariamente vanno a finire nelle casse del Comune di Siena (ma sicuramente nelle casse di SienaParcheggi, anche per stipendiarne il vice-presidente…) !

Che dite, ne è valsa la pena ?

Michele Pinassi
Consigliere comunale capogruppo “Siena 5 Stelle”

Comments