INTERROGAZIONE in merito alla partecipazione del Comune di Siena al bando per contributi e sostegno finanziario della Regione per attività ed interventi di contrasto all’evasione fiscale.

INTERROGAZIONE in merito alla partecipazione del Comune di Siena al bando per contributi e sostegno finanziario della Regione per attività ed interventi di contrasto all’evasione fiscale.

4 Febbraio 2016 Off di admin

Siena, 04.02.2016

Al Sindaco del Comune di Siena
Al Presidente del Consiglio Comunale
loro sedi

 

INTERROGAZIONE del Consigliere Michele Pinassi, Gruppo “Siena 5 Stelle” in merito alla partecipazione del Comune di Siena al bando per contributi e sostegno finanziario della Regione per attività ed interventi di contrasto all’evasione fiscale.

PREMESSO CHE

  • la lotta per il contrasto all’evasione fiscale è uno dei doveri dell’amministrazione comunale, prima di tutto per rispetto dei cittadini onesti;
  • a maggior ragione in un periodo di crisi economica,  il recupero di imposte e tasse evase consente alle pubbliche amministrazioni di far fronte ai tagli della spesa pubblica e di rispondere alle richieste dei cittadini per servizi pubblici migliori;
  • ai Comuni è garantita una quota per il recupero dei proventi dall’evasione fiscale (per il 2013 il fondo ripartito è stato di 18 milioni di €, come si apprende da fonti stampa);

CONSIDERATO CHE

  • la Regione Toscana, con la legge 68/2011, ha istituito un sistema integrato di contrasto all’evasione, entrato formalmente in funzione il 10 aprile 2014 a seguito dell’emanazione del Regolamento 16/R del 1 aprile 2014;
  • nel Programma regionale di sviluppo 2011-2015 è stato individuato il Progetto integrato di sviluppo “Contrasto all’evasione e all’illegalità economica” , uno dei 3 progetti di interesse generale della Regione Toscana, attribuendogli carattere di priorità per la legislatura 2010-2015;
  • la finalità del Progetto di sviluppo sul contrasto all’evasione fiscale è il recupero delle entrate fiscali e contributive di tutte le amministrazioni impositrici presenti sul territorio regionale, da realizzare mantenendo centrale l’attenzione sul cittadino–contribuente, al fine di evitare aggravi di prelievo e puntando nel contempo alla semplificazione degli adempimenti fiscali, anche tramite facilitazioni all’accesso a canali di pagamento di tributi e a servizi di assistenza al contribuente (sia territoriale sia telematica);
  • per raggiungere le finalità del progetto sono stati erogati contributi per gestire in forma associata attività di contrasto all’evasione;
  • tali contributi erano soggetti ad alcune precise clausole indicate nel bando, tra cui (a partire dal 2014)  gli enti interessati ad ottenere il contributo avrebbero dovuto presentare una apposita richiesta;
  • è notizia di questi giorni che il Comune di Livorno ha ottenuto il primo premio proprio sul bando regionale di contrasto all’evasione fiscale, ottenendo un contributo di 50.000€ per l’implementazione del SIT (Sistema Informativo Territoriale) tramite i dati incrociati da banche dati esterne, come quella del SIATEL (Sistema interscambio anagrafe tributarie enti locali), e quelle interne dei tributi IMU/TASI, TARI, ICP e TOSAP;

SI CHIEDE DI CONOSCERE

se l’Amministrazione Comunale senese ha effettuato domanda per questo bando; quali forme di contrasto all’evasione fiscale ha in essere e con quali risultati; si chiede inoltre di conosce a quanto ammonta l’importo riconosciuto dal Governo per il recupero dei proventi dell’evasione negli ultimi anni;

In fede,

Michele Pinassi