Provano ad ostacolarci anche con l’ODG…

Che non sarebbe stato un percorso facile già lo sapevamo: dopo tutte le scaramucce squisitamente interne al PD, concretizzatesi in una serie di comunicati contraddittori inviati alla stampa, l’ultimo ostacolo che si è parato davanti alla possibilità di far decadere il Sindaco Valentini è rappresentato proprio dall’Ordine del Giorno del Consiglio Comunale dell’11 Febbraio. Nell’ODG pervenuto la nostra delibera sulla sfiducia è stata aggiunta in coda ad una serie di atti piuttosto corposi, come il Piano urbano della Mobilità (per il quale eravamo tutti in trepidante attesa da oltre 3 anni e che, guarda il caso, compare proprio oggi !) o il Piano di Alienazione del Patrimonio Immobiliare Comunale. La tattica sembra chiara: sfiancare l’aula consiliare per arrivare alla mozione di sfiducia in ora tarda e sperare in un rinvio, sforando così il perentorio termine dei 30 giorni previsti dall’art 52 del TUEL (che ci costringerebbe a rivolgersi immediatamente al Prefetto per invocare il rispetto delle norme). Chiederemo in Conferenza dei Capigruppo l’anticipazione di questo affare, soprattutto per rispetto nei confronti della cittadinanza, poiché non avrebbe alcun senso avrebbe approvare atti se il Sindaco decadesse subito dopo.
MoVimento Siena 5 Stelle

Comments