COMUNICATO STAMPA – La casta anti-senese è corsa ai ripari per la Fondazione MPS

Non si era ancora asciugato l’inchiostro delle firme del Movimento Siena 5 Stelle sulla mozione depositata in Consiglio Comunale il 25 febbraio scorso, con la quale si chiedeva “la liquidazione della Fondazione MPS con trasferimento del suo patrimonio ad una nuova fondazione non più bancaria e quindi totalmente controllata dalla comunità locale”, che le forze centraliste e anti-senesi sono corse ai ripari.

Apprendiamo infatti dalla stampa delle notizie sulla Fondazione MPS che ci lasciano senza parole ma che danno un’ulteriore forza alla necessità di chiudere quanto prima questo carrozzone che non ha più alcuna attenzione agli interessi del territorio, ma che sembra sempre più guidato da poteri esterni che poco hanno a che vedere con Siena ed i suoi cittadini.

Le decisioni che sembrerebbero in via di approvazione sono quanto di più negativo si potrebbe studiare ai danni del territorio e per questo, come detto, sembrano guidate direttamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, probabilmente con l’obiettivo di togliere qualsiasi possibilità di controllo e di trasparenza sull’operato della Fondazione MPS, sia per quanto riguarda l’attualità che soprattutto le scelte scellerate che hanno portato l’Ente in questa attuale crisi (per il quale ricordiamo ancora l’assenza del MEF, oltre che di Bankitalia e della CONSOB).

La richiesta di modificare il punto relativo al mantenimento della Direzione Generale di Banca MPS a Siena è una cosa di gravità inaudita, anche solo per il fatto di averla avanzata, e non ci rassicura affatto che per ora la decisione sia solo rimandata. Riteniamo questo un punto fondamentale per il futuro del nostro territorio e di tutte le persone, dipendenti e attività economiche e sociali collegate, che risentirebbero pesantemente di questa eventuale modifica.  

Altro fatto gravissimo, probabilmente messo in atto inseguendo le nostre mosse e tentando di disinnescare la nostra mozione di scioglimento dell’attuale Fondazione MPS, sarebbe la variazione dell’articolo dello Statuto che assegnava ai membri della Deputazione Generale la facoltà di attuare questo scioglimento, delegando tutto al MEF. Questa decisione, del tutto assurda e censurabile, depotenzierebbe i poteri del territorio a favore del potere centrale, consegnando di fatto le chiavi dell’Ente costruito e fatto ricco dai Senesi, al distorto sistema dei partiti che hanno depredato la nostra città.

La nostra mozione di procedere alla liquidazione di questa Fondazione MPS per rinascere, con il patrimonio residuo, con una nuova fondazione non di natura bancaria sembra ormai essere l‘unica via di uscita per tutelare e proteggere la nostra città, impedendo questo ulteriore attacco all’autonomia e al patrimonio della nostra Comunità.

Come abbiamo più volte sottolineato, da parte nostra c’è la totale disponibilità a concordare una strategia comune, purché l’obiettivo sia restituire ai cittadini il controllo sul patrimonio faticosamente costruito nei gloriosi secoli di storia che hanno reso grande la nostra città.

MoVimento Siena 5 Stelle

 

Comments