Buongiorno ! Finalmente si torna a parlare del problema urbanistico a Siena

A distanza di oltre un mese dalla presentazione della nostra interrogazione, il mondo politico senese sembra svegliarsi ora in merito al problema dell’Urbanistica a Siena.

Ancora una volta sembrano tutti inseguire l’attivismo e la concretezza del Movimento Siena 5 Stelle, come sempre abituato a non fare solo inutili e strumentali critiche o a cercare una visibilità politica, ma a portare le questioni, e le relative proposte, nella sede deputata a tali dibattiti, ovvero il Consiglio Comunale. Più o meno in analogia a quanto sta accadendo su altri aspetti cittadini, come ad esempio la problematica riguardante lo scioglimento della Fondazione MPS.

Per quanto riguarda il Regolamento Urbanistico e la sua scadenza, oltre ad una inevitabile critica in merito all’inattività, o all’incapacità, di questa Amministrazione Comunale, anche nel porre rimedio ai disastri causati in questo ambito dalle precedenti Giunte Comunali, abbiamo cercato di esprimere alcuni suggerimenti che riteniamo utili a vari obiettivi; in primo luogo la necessità di rimettere in discussione l’intero Regolamento, pessima eredità della disastrosa Giunta Cenni, che ci sembra più attento ad interessi particolari che alle vere esigenze dei cittadini di Siena. Ravvisiamo l’esigenza di porre attenzione al problema dello spopolamento del Centro Storico e al degrado che ne è conseguito, e alla ripartenza del settore edilizio attualmente in grave crisi con conseguenze su tutta l’economia del territorio. In questo senso abbiamo evidenziato l’opportunità di favorire gli interventi sulle ristrutturazioni e le nuove piccole edificazioni di completamento per esigenze familiari, ingiustamente sacrificate nel passato a favore di interventi di ben altro impatto sul consumo di suolo, e di non rimandare oltre il tema centrale dei prossimi anni, vale dire il dibattito sul censimento, il recupero e il riuso degli edifici abbandonati o sottoutilizzati – anche di grande valore e di ragguardevoli dimensioni – che potrebbe invece essere il baricentro di una nuova stagione di sviluppo sostenibile della città.

Richiamando l’Amministrazione alla sua responsabilità di aver fatto scadere il Regolamento Urbanistico, la invitiamo ad evitare di perdere, anche in questo caso, ulteriore tempo in ridicole scaramucce interne alla maggioranza, ma a privilegiare l’interesse della collettività con un atteggiamento finalmente costruttivo ed inclusivo delle proposte di tutti i soggetti interessati, dagli addetti ai lavori ai vari movimenti presenti in Consiglio Comunale.

Questa città non può più permettersi, e non può più tollerare, un’amministrazione talmente priva di visione da non avere nemmeno un suo riconoscibile progetto urbanistico. Dopo anni di cattiva gestione del territorio, con una serie di progettazioni e di edificazioni orribili e fuori contesto, forse legate ad interessi particolari e non comunitari, ci batteremo anche in questo campo per una decisa inversione di rotta: per una linea di buon senso e di vera attenzione sia alla tutela del territorio che ai problemi delle famiglie e dei tanti lavoratori del comparto edilizio e dell’indotto.

MoVimento Siena 5 Stelle

Comments