La Fondazione MPS licenzia i dipendenti ma conserva i privilegi

La Fondazione MPS licenzia in tronco due dipendenti; altri due sarebbero stati invece ricollocati presso l’Accademia Musicale Chigiana.

La notizia non ci sorprende più di tanto, avevamo già denunciato per tempo l’ormai abnorme sproporzione fra la struttura operativa della Fondazione ed il suo esiguo patrimonio residuo: costi enormi di gestione che si traducono, in presenza di una acclarata incapacità di gestione, in una continua erosione del patrimonio.

Ci indigna però la modalità con cui si cerca di correre ai ripari: invece di responsabilizzare gli amministratori presenti e passati della Fondazione – una pletora di nominati ed incompetenti cui si deve in gran parte l’attuale disastro – si colpevolizzano i lavoratori.

Come è possibile far pagare agli incolpevoli dipendenti le responsabilità di scelte scellerate compiute negli anni a vari livelli, locale, regionale, nazionale?

Come è possibile che si vadano a colpire ancora una volta i più deboli, i più sacrificabili, e non si provveda invece ad una drastica ristrutturazione della Fondazione MPS, del tutto inefficiente sul piano gestionale e tuttora oberata da costi assurdi per i compensi degli Organi Amministrativi ? Eppure ricordiamo che ancora oggi un numero esorbitante di personaggi, quasi tutti di nomina politica e con requisiti tutti da dimostrare, costano alla nostra comunità circa 800.000 Euro annui.

Da parte nostra avevamo chiesto con una specifica mozione la liquidazione dell’attuale Fondazione, e la creazione di una nuova Fondazione completamente gestita dalla Comunità Senese, con uno Statuto snello e con una “governance” adeguata. Iniziativa stoppata dalla stessa Fondazione MPS con una modifica vergognosa e furbesca dello Statuto, appositamente apportata dopo la presentazione della mozione solo per impedirne la procedura risolutiva e blindare privilegi e poteri. Chiaramente non ci fermeranno con questi opachi giochetti: stiamo già studiando un’altra proposta che presenteremo al prossimo Consiglio Comunale.

MoVimento Siena 5 Stelle

Comments