Io sono antipolitica.

Certo che lo sono, orgogliosamente.

La politica che ho conosciuto sulla mia pelle è quella del malaffare, della menzogna, della corruzione, dei privilegi, del denaro; tanto denaro. La politica senza idee né ideologie, senza principi né valori. La politica dell’egoismo, del fine che giustifica ogni mezzo, del tutto e del contrario di tutto, dell’incoerenza più cialtrona, della propaganda più becera e mediocre. Ho conosciuto la politica della violenza e del crimine.

Io sono antipolitica.

Che c’è di male ad essere “anti” ? Per capire cosa si è, si rende necessario definire prima di tutto ciò che non si è; i confini invalicabili della propria etica: sia come singoli che come popolo.

Io sono antifascista e mi riconosco nella Costituzione del mio popolo che è antifascista; ce lo diciamo tutti i 25 Aprile di ogni anno, che siamo antifascisti. Abbiamo un giorno della memoria nazionale per questo. Ecco, per lo stesso principio io sono antipolitica. Sono, cioè, contro la politica che i partiti hanno costruito nel mio paese.

Io sono antipolitica, certo che lo sono, orgogliosamente.

Io sono antipolitica perché credo che la politica si debba fare senza soldi; che i partiti siano associazioni private che non debbano avere neanche un centesimo di soldi pubblici e che, caso mai, gli spazi della propaganda elettorale siano dati gratuitamente a chi concorre alle elezioni.

Io sono antipolitica perché credo che occorra riscoprire una specie di scala mobile che aiuti a definire quale sia, con l’andamento del mercato, il salario minimo che consenta una vita dignitosa; e che nessun lavoratore debba guadagnare meno di quel salario minimo; e che nessun manager pubblico o alcuna carica istituzionale debba percepire 5 volte quel salario minimo.

Io sono antipolitica perché credo che chi con la politica ci ha guadagnato finora non debba avere più spazio; che i dirigenti, inutili e in esubero, delle municipalizzate e degli enti pubblici, debbano essere licenziati immediatamente e senza buone uscite; che il personale della burocrazia non dirigente in eccedenza debba essere ricollocato in lavori più utili per la società.

Io sono antipolitica perché credo che siano finiti i soldi per le consulenze di qualsiasi genere e per tutte le voci di spesa che non riguardino direttamente lavori utili alle comunità locali.

Io sono antipolitica, perché credo che le Province vadano abolite e che spetti alla Regione definire delle aree del suo territorio che debbano essere amministrate collegialmente dai Comuni che fanno parte di quelle aree territoriali.

Io sono antipolitica perché credo che nessuno possa ricoprire più di una carica istituzionale, quale che sia e a qualsiasi livello, contemporaneamente; che nessuna carica istituzionale sia compatibile con qualsiasi ruolo dirigenziale in società o enti sia pubblici che privati che siano o meno a scopo di lucro e che siano società, cooperative o associazioni di volontariato.

Io sono antipolitica perché credo che nessuno possa ricoprire la stessa carica istituzionale per più di un solo mandato, indipendentemente dalla durata del mandato stesso.

Io sono antipolitica perché credo che la Camera dei Deputati sia più che sufficiente e che il Senato della Repubblica vada abolito.

Io sono antipolitica perché credo che i cittadini debbano eleggere direttamente non solo i parlamentari, ma anche il Governo; tutto il Governo: il Presidente del Consiglio e i suoi ministri.

Io sono antipolitica perché credo che si debbano ridurre i consiglieri comunali e quelli regionali.

Io sono antipolitica perché credo che le spese per la politica vadano ridotte del 90%.

Io sono antipolitica perché credo che si possa realizzare un portale affinché i cittadini votino in rete e valutino ogni anno l’operato del Governo nazionale, del Parlamento, delle amministrazioni locali e delle aziende che gestiscono servizi pubblici, per bocciare o promuovere, sfiduciare intere amministrazioni o singoli ministri, revocare concessioni per appalti pubblici.

Io sono antipolitica perché credo che le leggi di iniziativa popolare debbano essere obbligatoriamente discusse in Parlamento entro una certo periodo di tempo dalla loro presentazione altrimenti diventano leggi dello Stato a tutti gli effetti.

Io sono antipolitica perché credo che debbano essere introdotti referendum propositivi senza quorum.

Io sono antipolitica perché credo che le opere pubbliche, soprattutto se superano un tetto di spesa, debbano essere approvate in rete dai cittadini e che nessuna opera pubblica possa essere realizzata in un territorio senza il consenso dei cittadini di quel territorio.

Io sono antipolitica perché credo che le spese per le opere pubbliche debbano essere chiare ed intellegibili da tutti i cittadini e pubblicate in rete, così come i bilanci degli enti locali e delle istituzioni dello Stato.

Io sono antipolitica perché credo che il TAV sia inutile e dannoso per l’economia dello Stato e la salute degli abitanti della Val di Susa.

Io sono antipolitica perché credo che il numero delle tasse debba essere ristretto e che non ci debba essere bisogno di un commercialista per capire quanto bisogna pagare.

Io sono antipolitica perché credo che i soldi pubblici debbano essere spesi solo e soltanto per le cose pubbliche e che la sanità o la scuola privata, se vogliono esistere, devono finanziarsi solo e soltanto con i contributi dei privati.

Io sono antipolitica perché credo che la stampa si debba finanziare solo e soltanto con i contributi dei propri lettori.

Io sono antipolitica perché credo che la televisione non sia un servizio pubblico e che non ci debba essere una televisione di Stato.

Io sono antipolitica perché credo che per grandi opere si debba intendere portare i pannelli solari sopra ogni casa, ogni palazzo, ogni capannone del paese e rendere energeticamente indipendenti case, uffici, fabbriche, negozi; oppure portare la ADSL sempre veloce e senza congestionamenti di traffico, in ogni angolo del territorio nazionale e che ci siano accessi wireless liberi in diversi punti di ogni centro abitato.

Io sono antipolitica perché credo che si possano disseminare tutte le autostrade e superstrade d’Italia di pannelli solari in modo da creare un impianto enorme a bassissimo impatto ambientale.

Io sono antipolitica perché credo che uno dei piani di sviluppo principali del paese sia quello di investire nell’eolico e nel progetto del solare da realizzare in Sicilia che presentò Carlo Rubbia.

Io sono antipolitica perché credo che l’impatto ambientale delle pale eoliche sia almeno uguale a quello dei tralicci dell’elettricità e minore senz’altro di quello delle antenne televisive.

Io sono antipolitica perché credo che l’acqua sia un bene comune e debba essere gestita solo e soltanto da enti pubblici.

Io sono antipolitica perché credo che la prescrizione vada abolita e in modo retroattivo.

Io sono antipolitica perché credo che un grado di giudizio sia più che sufficiente e che al limite si possa fare ricorso in Cassazione.

Io sono antipolitica perché credo che troppe leggi che si contraddicono e si sovrappongono rendano inapplicabile la giustizia.

Io sono antipolitica perché credo che i codici penali e civili debbano essere più snelli e semplificati.

Io sono antipolitica perché credo che nessuna carica istituzionale, di qualsiasi ordine e grado, così come qualsiasi ruolo dirigenziale in enti e società pubbliche o private sia compatibile con un rinvio a giudizio.

Io sono antipolitica perché credo che si debba sapere chiaramente quali sono le responsabilità penali di chi amministra la cosa pubblica.

Io sono antipolitica perché credo che chi si prende una responsabilità istituzionale o dirigenziale in società o enti privati debba rispondere sempre e comunque dei problemi che si generano.

Io sono antipolitica perché credo che nella realizzazione delle opere pubbliche non debbano esserci subappalti e scatole cinesi.

Io sono antipolitica perché credo nella raccolta differenziata porta a porta.

Io sono antipolitica perché credo nella riduzione degli imballaggi.

Io sono antipolitica perché credo nella distribuzione alla spina di latte o altri prodotti alimentari, così come dei detersivi.

Io sono antipolitica perché credo che ogni prodotto debba essere il più biodegradabile possibile.

Io sono antipolitica perché credo che debbano essere sostenute finanziariamente le produzioni locali ecologiche o biologiche.

Io sono antipolitica perché credo che occorra sostenere la produzione a km zero.

Io sono antipolitica perché credo nelle filiere corte, dal produttore al consumatore, senza intermediari commerciali o finanziari.

Io sono antipolitica perché credo che il mio paese debba investire nel riciclare, riusare, riparare e nel concetto di rifiuti zero.

Io sono antipolitica perché credo che chi abbia truffato azionisti o cittadini, chi si sia macchiato di reati come concussione, corruzione, chi abbia falsificato bilanci di società pubbliche, private o di istituzioni o enti pubblici, debba vedersi pignorato tutto il proprio patrimonio e debba essere perpetuamente interdetto da qualsiasi ruolo istituzionale di ogni ordine e grado, così come qualsiasi ruolo manageriale o di rappresentanza in società pubbliche o private che siano o meno a scopo di lucro ovvero in cooperative o associazioni ancorché di volontariato.

Io sono antipolitica perché credo che sia il lavoro a tempo indeterminato la sola risposta alla mancanza di lavoro e non la estremizzazione della flessibilità.

Io sono antipolitica perché credo che le tipologie di contratti di lavoro debbano essere pochissime.

Io sono antipolitica perché credo che la concorrenza al ribasso sui diritti dei lavoratori non sia la strada per creare più occupazione.

Io sono antipolitica perché credo che non dobbiamo concorrere con i paesi senza diritti per quanto riguarda il costo del lavoro.

Io sono antipolitica perché credo che si debba abolire il segreto di Stato sulle stragi che hanno macchiato in modo indelebile la nostra storia.

Io sono antipolitica perché credo che si debba introdurre il reato di tortura.

Io sono antipolitica perché credo che il lavoro nero sia una schiavitù e che il lavoratore al nero possa denunciare il proprio datore di lavoro.

Io sono antipolitica perché credo che anche la prostituzione sfruttata, indotta e non volontaria debba essere considerata una schiavitù.

Io sono antipolitica perché credo che chi sfrutta un essere umano e lo riduce in schiavitù o lo tortura commetta un reato grave e odioso quanto l’omicidio o lo stupro di un bambino.

Io sono antipolitica perché credo che la omofobia sia un reato odioso quanto la pedofilia.

Io sono antipolitica perché credo che la xenofobia sia un reato odioso quanto la pedofilia.

Io sono antipolitica perché credo che un partito xenofobo non abbia diritto di esistere nel nostro paese.

Io sono antipolitica perché non voglio che il mio paese abbia partenariato commerciale con paesi anti-democratici e comunque che non si riconoscano nei principi fondamentali della nostra carta Costituzionale.

Io sono antipolitica perché rifiuto la guerra, sempre.

Io sono antipolitica perché credo che le controversie internazionali possano essere risolte sempre senza la guerra.

Io sono antipolitica perché credo che le guerre in Afghanistan e Iraq siano state delle aggressioni terroristiche a stati sovrani.

Io sono antipolitica perché credo che la Protezione Civile debba intervenire per aiutare i cittadini quando ci sono delle urgenze e non possa essere una agenzia che organizza grandi eventi.

Io sono antipolitica perché credo alla tolleranza zero verso gli operatori delle forze dell’ordine che si macchiano di delitti.

Io sono antipolitica perché credo ad una commissione parlamentare d’inchiesta sui fatti del G8 di Genova del 2001.

Io sono antipolitica perché credo che debbano andare alla sbarra tutti i poliziotti e i carabinieri di ogni ordine e grado che erano a Genova durante il G8 e che tutti quelli che entrarono alla scuola Diaz o si trovavano alla caserma di Bolzaneto siano arrestati immediatamente.

Io sono antipolitica perché credo alla meritocrazia.

Io sono antipolitica perché credo che i ruoli decisionali più importanti e delicati debbano essere affidati alle persone umanamente migliori e professionalmente più preparate.

Io sono antipolitica perché credo che il nepotismo o il fenomeno delle carriere fatte per conoscenze, amicizie o vicinanze, indipendentemente dalle qualità, siano il male assoluto del nostro paese.

Io sono antipolitica perché credo che chi fino ad oggi ha preso scorciatoie per emergere, non debba avere più spazio alcuno.

Io sono antipolitica perché credo che quella che viene definita “la fuga dei cervelli” sia una vergogna di Stato indegna e odiosa e che debba finire una volta per tutte, senza se e senza ma.

Io sono antipolitica perché credo che la volontà popolare vada rispettata sempre e quindi che i rimborsi elettorali ai partiti vadano abiliti, così come vada eliminata ovunque dalle bollette dell’acqua la remunerazione del capitale investito.

Io sono antipolitica perché credo che nessun tipo di vicinanza diretta o indiretta con qualsiasi organizzazione criminale possa essere tollerata.

Io sono antipolitica perché credo che la Mafia, la Camorra, la ‘Ndrangheta, la Sacra Corona Unita, debbano essere spazzate via definitivamente dal territorio e dalla storia d’Italia.

Io sono antipolitica.

Il Movimento Siena 5 Stelle nasce a Siena nel 2006. Entra nella vita politica della città con l'organizzazione dei due V-Day di Beppe Grillo, dove raccoglie migliaia di firme in pochi giorni, e si concretizza con la presenza alle ultime elezioni amministrative del Comune di Siena, dove riceve il voto di oltre 1300 cittadini.

Siena CinqueStelle

No Comments