...perché Siena, la nostra meravigliosa città, merita di essere una città a 5 stelle

Ballottaggio: i cittadini elettori non possono lasciarsi sfuggire l’occasione

[information_box title=”Premessa” ]Premettiamo che la posizione espressa nella lettera che segue  non è la posizione del MoVimento Siena 5 Stelle. Riteniamo comunque di dover ospitare la legittima opinione degli elettori: per questo motivo daremo adeguato spazio a tutte le missive che la cittadinanza senese vorrà inviarci.[/information_box]

Caro Diego, memore del vostro cortese invito sul palco la sera del 23/5 u.s. sono ancora a scriverti per chiedere di avere voce, per poter lanciare un messaggio al popolo del Movimento in occasione del ballottaggio di domenica e coerentemente col messaggio che ho lanciato alla fine del mio intervento.

Sono conscio e concordo sulla necessità che M5S non si schieri in questo ballottaggio come forza politica: la diversità del Movimento e la sua pulizia intellettuale devono essere salvaguardate e schierarsi per l’uno o per l’altro, viste anche le liste che sostengono i due candidati, è certamente cosa da non fare.

Ma penso anche che ognuno di noi cittadini elettori, a livello personale, non può lasciarsi sfuggire l’occasione di mandare via chi, per lustri, ha depredato la città dei suoi beni più preziosi (Università, MPS, Ospedale, USL, Fondazione..) un po’ per cupidigia e immoralità, un po’ per la conclamata incapacità dei “fedelissimi” del partito incaricati di funzioni decisionali a svolgere, anche solo in maniera appena decente, il ruolo cui erano stati destinati.

Non credo che, chiunque vinca, possa arrivare a fine legislatura, ma sono convinto che una vittoria di Valentini e del PD sarebbe veramente, per questa città e per i suoi cittadini (anche quelli inconsapevoli e in buona fede), il male assoluto, la fine definitiva, il “Game Over”.

E’ vero, da dipendente MPS parlo anche per difendere il mio posto di lavoro, ma da cittadino, da padre, credo anche che dare un forte segnale a chi ha gestito il potere fino ad ora sia la cosa giusta da fare. Il “partito”, speculando sulle sue oramai “antichissime e perdute” radici di sinistra ha creato in questa città una rete di clientelismi marci che una sconfitta di Valentini certamente incrinerebbe in maniera definitiva. La perdita di Siena, dopo lo schieramento di Epifani e di Renzi, avrebbe, credo, anche ripercussioni a livello nazionale dove il PD sta per appoggiare riforme drammatiche ed autoritare della Costituzione.

Come ben sa chi mi conosce e come ha dimostrato nei mesi scorsi la mia lotta “donchisciottesca” a tutto campo io non ci guadagno e non voglio guadagnare niente dalla vittoria dell’avversario di Valentini e autorizzo tutti voi a sputarmi in faccia per la strada se ciò dovesse avvenire, ma per sconfiggere la politica aziendale autoritaria del “cavaliere del lavoro” Alessandro Profumo, per spazzare via da questa città chi l’ha depredata e vilipesa, invito tutti voi, come singoli, come cittadini incazzati ed offesi, a non perdere questa occasione di sconfiggere il PD votando, come dissi sul palco, contro Valentini ed il PD, votando “l’altro”, chiunque sia.

Grazie per lo spazio che mi vorrete dare e per il tempo dedicatomi nella lettura di questo mio scritto.

Luca Bianchi

 

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: