...perché Siena, la nostra meravigliosa città, merita di essere una città a 5 stelle

Osservazioni al Piano Interprovinciale dei rifiuti ATO Rifiuti Toscana Sud

Siena, 06 Giugno 2014

Alla Spett.Le Provincia di Siena

Settore Politiche Ambientali

ambiente.provsi@pec.consorzioterrecablate.it

Via Massetana, 106 – 53100 Siena

Alla cortese Attenzione del

Dott. Paolo Casprini

casprini@provincia.siena.it

DEI RIFIUTI ATO RIFIUTI TOSCANA SUD

PRESO ATTO CHE

Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO INTER-PROVINCIALE DEI RIFIUTI ATO RIFIUTI TOSCANA SUD

PRESO ATTO CHE

la Provincia di Siena ha adottato il Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti dell`ATO RIFIUTI TOSCANA SUD, con delibera delle Province di Arezzo (Del. C.P. n. 8 del 06/02/2014), di Siena (Del. C.P. n. 3 del 06/02/2014) di Grosseto (Del. C.P. n. 7 del 13/02/2014) e che tale piano era comprensivo:

  • Allegato Rifiuti Toscana sud n. 1) Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell`ATO RIFIUTI TOSCANA SUD – Proposta di Piano – dicembre 2013. completo di n. 4 Allegati (Allegato Quadro conoscitivo rifiuti speciali, Allegato Impianti esistenti (uno per ogni Provincia).

  • Allegato n. 2) Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell`ATO RIFIUTI TOSCANA SUD – Rapporto Ambientale – Gennaio 2014.

  • Allegato n. 3) Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell`ATO RIFIUTI TOSCANA SUD – Sintesi non tecnica – Gennaio 2014.

  • Allegato n. 4) Relazione del Responsabile del procedimento.

  • Allegato n. 5) Rapporto del Garante della Comunicazione. Avviso di adozione ai sensi dell`articolo 12. comma 6. della legge regionale 18 maggio 1998. n. 25 e ai sensi dell`art. 25. comma 1. della legge regionale 12 febbraio 2010. n. 10. dando formalmente avvio alla fase di consultazione pubblica da parte dei soggetti competenti in materia ambientale e del pubblico.

CONSIDERATO CHE

ai sensi del comma 6 dell’articolo 12 della Legge Regionale Toscana n. 25/1998 il Piano Interprovinciale, una volta adottato dai consigli provinciali di Arezzo, Siena e Grosseto è stato trasmesso alla Giunta Regionale della Toscana per la pubblicazione del relativo avviso di adozione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (B.U.R.T.). Si da atto che tale pubblicazione è avvenuta nel B.U.R.T. N. 14 del 09/04/2014. Dalla medesima data di pubblicazione il Piano è stato depositato presso le sedi delle tre provincie coinvolte in modo che chiunque ne potesse prendere visione e, entro il termine perentorio di 60 giorni, potesse presentare le osservazioni che ritenesse più opportune.

SI ALLEGANO

n. 14 osservazioni:

Osservazione n.1 “Utilizzo del PIL, come coefficiente per determinare le proiezioni di aumento o diminuzione della produzione dei rifiuti, non è previsto dalla normativa europea” 3

Osservazione n.2 “Utilizzo del PIL come valido indicatore di crescita economica e di conseguenza della produzione di rifiuti” 4

Osservazione n.3 “Decisione di utilizzare lo scenario stabilizzato Rifiuti Toscana sud, al valore 2010, come base di calcolo per raggiungere gli obiettivi del Piano” 7

Osservazione n.4 “Criteri di pianificazione impiantistica” 11

Osservazione n.5 “Incoerenza e non attinenza alla legge degli obiettivi di riduzione del Piano” 12

Osservazione n.6 “Mancata responsabilizzazione estesa dei produttori in funzione di politiche di prevenzione” 14

Osservazione n.7 “Mancata pianificazione di impiantistica o centri per il riutilizzo” 15

Osservazione n.8 “Obbligo di introduzione del porta a porta e della tariffa puntuale, nell’ipotesi che non si considerino i rifiuti “assimilati”, ovvero che siano conteggiati nei rifiuti urbani, per raggiungere gli obiettivi di differenziata del Piano” 16

Osservazione n.9 “Obbligo di introduzione della pianificazione della raccolta dei rifiuti “assimilati”, per raggiungere gli obiettivi di differenziata del Piano” 18

Osservazione n.10 “Mancata determinazione obiettivi di riduzione dei rifiuti monitoraggio dei risultati raggiunti” 20

Osservazione n.11 “Il Piano deve prevedere la rapida adozione in tutti i Comuni dell’armonizzazione contabile” 21

Osservazione n.12 “Impiantistica sovra dimensionata in funzione degli obiettivi del Piano, import rifiuti” 24

Osservazione n.13 “Piano non in linea con le più recenti direttive europee afferenti la materia in oggetto” 25

Osservazione n.14 “Il piano non prevede obiettivi stringenti, una riduzione di almeno il 60%, dei rifiuti provenienti dalla filiera alimentare domestica ” 26

Cordiali saluti,

Michele Pinassi

Consigliere comunale capogruppo “Siena 5 Stelle” – Comune di Siena

michele.pinassi@comune.siena.it

Le osservazioni sono state redatte grazie al contributo dei consiglieri comunali di Arezzo, Grosseto e Siena, oltre alla importante collaborazione di Serena Delfi, assistente parlamentare.

Il documento completo delle 14 osservazioni è disponibile qui:

Download (PDF, 822KB)

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: