...perché Siena, la nostra meravigliosa città, merita di essere una città a 5 stelle

INTERROGAZIONE in merito alle azioni che l’Amministrazione Comunale ha intrapreso o intende intraprendere in merito alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili

Risposta
Interrogazione depositata in data 01.12.2014 e risposta, dall’Ass. Tarquini, nella seduta consiliare del 10.02.2015. Verbale in calce.

Siena, 01.12.2014

Al Sindaco del Comune di Siena
Al Presidente del Consiglio Comunale
loro sedi

INTERROGAZIONE del Consigliere Michele Pinassi, Gruppo “Siena 5 Stelle” in merito alle azioni che l’Amministrazione Comunale ha intrapreso o intende intraprendere in merito alla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.

PREMESSO CHE

  • secondo i dati forniti dall’Istituto Superiore di Sanità, diffusi a mezzo stampa, “in Italia vivono oltre 100.000 persone sieropositive, probabilmente circa 120.000; ogni anno se ne infettano circa 4.000, 11 al giorno. 95.000 persone sono seguite dalle strutture sanitarie e di queste circa 60.000 sono in terapia con antiretrovirali, con una spesa che oscilla, tra farmaci e diagnostica, dai 7.000 ai 12.000 euro/persona/anno.

CONSIDERATO CHE

  • la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili è contrastabile attraverso la prevenzione e l’educazione;
  • in merito alla corretta informazione sessuale deve essere considerato anche il delicato tema delle gravidanze indesiderate, sempre più frequenti tra i giovanissimi, dovute spesso ad una non adeguata conoscenza o educazione sessuale;
  • il preservativo è ancora oggi, se usato correttamente, il mezzo più efficace per contrastare la diffusione delle MST e le gravidanze indesiderate;
  • la stessa OMS sottolinea che “la strategia adottata si deve basare soprattutto sulla prevenzione, con la promozione di campagne informative sulle Infezioni Sessualmente Trasmesse e sui fattori di rischio e di attività di educazione alla salute sessuale”;
  • dal 6° Rapporto Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, risulta che “il 38,4% ha avuto il primo rapporto sessuale tra i 14 e i 15 anni, mentre l’11,7% ancora prima, tra gli 11 e i 13 anni.“;
  • l’UNESCO definisce Educazione Sessuale “un approccio, adeguato all’età e alla cultura, nell’insegnamento riguardante il sesso e le relazioni attraverso la trasmissione di informazioni scientificamente corrette, realistiche e non giudicanti. L’educazione Sessuale offre, per molti aspetti della sessualità, l’opportunità sia di esplorare i propri valori e atteggiamenti, sia di sviluppare le competenze decisionali, le competenze comunicative e le competenze necessarie per la riduzione dei rischi.
  • oltre alle evidenti ripercussioni sociali, la mancanza di percorsi educativi ha un costo economico non proprio trascurabile;
  • vi è ancora oggi una reticenza delle istituzioni stesse, scuola compresa, ad affrontare una tematica di fondamentale importanza per il presente ed il futuro della nostra società;

SI CHIEDE

come questa Amministrazione intenda procedere e quali azioni ha in programma di realizzare, o ha già realizzato, per promuovere percorsi di educazione sessuale e di prevenzione anche presso le scuole della nostra città.

In fede,

Michele Pinassi

Download (PDF, 183KB)

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: