...perché Siena, la nostra meravigliosa città, merita di essere una città a 5 stelle

Il testo della MOZIONE di Sfiducia al Sindaco

Al Presidente del Consiglio Comunale

Comune di Siena

I sottoscritti consiglieri comunali del Comune di Siena, ai sensi dell’Art. 52 comma 2 del TUEL: “Il sindaco, il presidente della provincia e le rispettive giunte cessano dalla carica in caso di approvazione di una mozione di sfiducia votata per appello nominale dalla maggioranza assoluta dei componenti il consiglio. La mozione di sfiducia deve essere motivata e sottoscritta da almeno due quinti dei consiglieri assegnati, senza computare a tal fine il sindaco e il presidente della provincia, e viene messa in discussione non prima di dieci giorni e non oltre trenta giorni dalla sua presentazione. Se la mozione viene approvata, si procede allo scioglimento del consiglio e alla nomina di un commissario ai sensi dell’articolo 141.

CONSIDERATO

  • il pesante danno di immagine provocato alla città di Siena a seguito degli avvisi di garanzia relativi ad atti compiuti durante il suo precedente mandato da Sindaco nel vicino comune di Monteriggioni;
  • l’evidente immobilismo amministrativo di questa Giunta nei confronti di una città che necessita invece di urgenti e coraggiose opere di rinnovamento e sviluppo, attuabili solo da amministratori credibili e correttamente motivati;

VALUTATO INOLTRE

  • il sostanziale tradimento delle promesse elettorali basate sul vantato “buongoverno” del Comune di Monteriggioni e sul reiterato impegno al cambiamento ed alla discontinuità rispetto alle precedenti amministrazioni della città di Siena;
  • le gravissime mancanze dell’Amministrazione quali, ad esempio, la carente applicazione dei principi etici, la mancata ricerca della verità sulla vicenda di Banca e Fondazione MPS anche rinunciando alle più elementari azioni di tutela della comunità, le discutibili nomine fatte in varie controllate e partecipate, la superficiale attenzione al problema lavoro e occupazione, l’indebolimento del ruolo strategico a livello regionale di Università e Sanità, la perdita del controllo del settore cultura e musei con contestuale cessione a privati, la mancanza di seri programmi per quanto riguarda l’Urbanistica, il commercio, il traffico e la vivibilità e sicurezza dei cittadini;

SI CHIEDE

di procedere come previsto dal citato articolo del TUEL al voto di sfiducia nei confronti del Sindaco di Siena.

Download (PDF, 629KB)

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: