MOZIONE per impegnare l’Amministrazione Comunale a promuovere l’utilizzo dell’acqua del rubinetto

Siena, 23.08.2017
Al Sindaco del Comune di Siena
Al Presidente del Consiglio Comunale
loro sedi

MOZIONE dei sottoscritti consiglieri comunali del MoVimento Siena 5 Stelle, per impegnare l’Amministrazione Comunale a promuovere l’utilizzo dell’acqua del rubinetto

PREMESSO CHE

  • il servizio idrico nel Comune di Siena è gestito dalla società Acquedotto del Fiora Spa;
  • l’Amministrazione Comunale di Siena ha installato, in diverse aree del territorio, “casette dell’acqua” per fornire acqua di “alta qualità” ai cittadini;
  • l’acqua potabile è un bene pubblico fondamentale;
  • l’Italia ha il primato europeo di consumo di acqua in bottiglia (12 miliardi di litri d’acqua minerale) pro capite, arrivando a consumarne una quantità annua tale da riempire il Colosseo otto volte;

CONSIDERATO CHE

  • per la tariffa base domestica residente, il costo dell’acqua al mq è di 1,401268€, ponendo la nostra città tra le prime posizioni per il costo medio a famiglia del servizio idrico in Italia;
  • l’Italia è la nazione che più acquista e consuma acqua minerale, i cui contenitori vanno ad incrementare la quantità di rifiuto generato, comportando sia un problema ambientale sia maggiori costi di smaltimento rifiuti;
  • l’acqua minerale (“in bottiglia”) ha un costo di oltre 100 volte superiore a quella che fuoriesce dal rubinetto (0,20€ al lt in media contro 0,0014€);
  • spesso si giustifica la scelta di consumare acqua minerale per la qualità della stessa (“ha un sapore migliore”, “è più leggera”…), tanto che sono state installate “casette dell’acqua” proprio per migliorarne la qualità;
  • le “casette dell’acqua” hanno costi di installazione e manutenzione non trascurabili, che solo in parte vengono coperti dalla tariffa per l’erogazione di “acqua di alta qualità”, e l’acqua erogata può essere conservata al massimo solo per 1-2 giorni;

VALUTATO CHE

  • l’acqua che fuoriesce dal rubinetto è fresca e di immediato utilizzo, oltre ad essere estremamente conveniente rispetto alle acque minerali ed agli erogatori c.d  “casette dell’acqua”;
  • è necessario adoperarsi per migliorare il più possibile la qualità delle acque potabili;

SI IMPEGNA IL SINDACO

ad adoperarsi, anche presso il gestore del servizio idrico e dell’Autorità Idrica Toscana, per

  • migliorare la qualità dell’acqua potabile, tutelando anche le aree di captazione e proteggerle da pesticidi ed altre sostanze inquinanti;
  • incentivando l’utilizzo dell’acqua potabile, migliorandone le caratteristiche organolettiche e promuovendo campagne, anche nelle scuole, per ridurre l’uso dell’acqua in bottiglia;
  • realizzare una mappa disponibile anche via web delle fontanelle pubbliche;
  • dotare le fontanelle pubbliche di adeguati rubinetti così da evitare lo spreco di acqua;
  • effettuare periodicamente analisi a campione sulla qualità dell’acqua, da affidarsi ad un organismo terzo (se il Comune non ha strumenti/personale/competenze per provvedere in autonomia), in aggiunta a quelle già effettuate dal gestore secondo i requisiti di legge, e pubblicarne i risultati anche sul sito web dell’Amministrazione;

In fede,

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Commenti