1 – Democrazia Diretta

Partecipazione e Principio di Sovranità popolare dei cittadini

  1. Referendum propositivo deliberativo – Istituzione nel Regolamento Comunale del Referendum propositivo – deliberativo di iniziativa popolare (tale da vincolare il Consiglio Comunale a deliberare coerentemente con l’espressione popolare)

  2. Osservatori Civici Tematici – Istituzione degli Osservatori Civici Tematici a partecipazione popolare, come luogo di ascolto, analisi e elaborazione delle strategie di governo della Città

  3. Assessore cercasi – Campagna di selezione pubblica tramite valutazione dei curricula personali e professionali dei candidati ad assessore del Comune di Siena, al fine di costruire una squadra di governo preparata e libera da condizionamenti partitici e selezionata in base a capacità, merito e professionalità

  4. Merito, capacità, competenza – introduzione di nuove metodologie di selezione dei Consiglieri di amministrazione degli Enti e delle Società Partecipate di nomina comunale, da individuare seguendo unicamente requisiti di merito, capacità e competenza, senza alcun riguardo all’appartenenza politica od ideologica

2 – La politica al servizio del cittadino

Politiche di Bilancio – Obiettivo Riduzione/Azzeramento del Debito Pubblico Comunale – Azzeramento dei Costi della Politica

  1. Abolizione dei rimborsi e dei privilegi – Abolizione dei rimborsi economici e dei privilegi “palieschi”, e non solo, per assessori e consiglieri comunali con specifico riferimento ai posti alle trifore di Palazzo Comunale assegnati alle Contrade a beneficio dei cittadini
  2. Abolizione dei rimborsi per i consiglieri di amministrazione – Abolizione dei rimborsi economici ai consiglieri di amministrazione degli Enti e delle Società Partecipate di nomina comunale
  3. Abolizione dei rimborsi per i Deputati della Fondazione – Abolizione dei gettoni di presenza e dei rimborsi per le cariche in Fondazione MPS di nomina comunale

  4. Azzeramento delle consulenze esterne – Abolizione dello spoil-system dei Partiti e azzeramento delle cosiddette consulenze esterne con contestuale valorizzazione del personale interno all’Amministrazione Comunale

  5. Addizionale IRPEF-COMUNALE – rivisitazione degli scaglioni di reddito per la tassazione comunale nel rispetto del principio costituzionale della progressività, ora spostata a favore dei redditi elevati (>100.000 euro)

  6. Alienazione del Patrimonio Immobiliare non strumentale

  7. Efficientamento e riduzione emolumento dirigenziali – Efficientamento e netta riduzione delle voci di spesa riguardante gli emolumenti dei dirigenti comunali

  8. Nuovo Comune – iniziativa istituzionale per la creazione di un’Unione Senese dei Comuni allargata ai municipi confinanti, in linea con i recenti orientamenti legislativi, al fine di recuperare economie di scala e di gestione e quindi una maggiore efficienza organizzativa, al fine di fronteggiare l’ulteriore riduzione delle risorse a disposizione delle Amministrazioni Comunali

3 – Beni Comuni

  1. Fondazione MPS – Rivisitazione dello Statuto della Fondazione MPS e Istituzione della Commissione comunale di studio e indagine utile ad avviare “un’Azione di Responsabilità e risarcimento danni” contro i soggetti ritenuti responsabili delle operazioni fallimentari riguardanti l’acquisizione di Banca Antonveneta ed i successivi passaggi (aumento capitale + assemblee straordinarie), da ricercare in primo luogo all’interno degli organi della Fondazione MPS, per aver contravvenuto agli obblighi inerenti la conservazione dell’integrità del patrimonio sociale violando l’art.3 comma 4 dello Statuto. In secondo luogo, la ricerca continuerà in seguito agli sviluppi dell’azione della Magistratura ma che già da oggi si delineano nelle figure verticistiche bancarie nazionali all’epoca dei fatti.

  2. Banca MPS – Preso atto dell’inevitabile nazionalizzazione della Banca, causata dall’impossibilità materiale della restituzione dei cosiddetti Monti bond, proposta e difesa di azioni concrete, presso tutte le sedi istituzionali a qualsiasi livello, tendenti alla regionalizzazione della Banca ovvero alla salvaguardia del suo rapporto con i territori di riferimento

  3. Acqua Pubblica – Adozione immediata dell’esito referendario acqua-beni comuni del giugno 2011

  4. Rifiuti Zero – Raccolta differenziata spinta e smaltimento rifiuti con il metodo della “dissociazione molecolare”

  5. Zero Consumo di Territorio – Rivisitazione generale del Piano Strutturale e del Regolamento Urbanistico – Rivisitazione generale della filosofia sottesa agli Strumenti Urbanistici comunali vigenti, erroneamente sbilanciati a favore di quantità irrealistiche di interventi abitativi ormai assolutamente incompatibili con il mercato. Ricalibrare per intero le modalità di gestione del territorio puntando invece sulla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, sulla individuazione di tipologie edilizie ancora suscettibili di un mercato reale (edilizia a basso costo, edilizia a canone concordato e sociale), sulla demolizione e ricostruzioni di edifici obsoleti, sull’efficientamento energetico, sulla realizzazione di pochi ma strategici interventi pilota accuratamente localizzati (la caserma Bandini, la caserma Santa Chiara, l’area di Piazza della Posta/Camera di Commercio). In tale contesto si potrà valutare la possibilità, con i comuni limitrofi, di rilocalizzare la caserma Bandini ad Ampugnano anche al fine di poterne sfruttare le potenzialità sia in termini militar che civili, come già accade ad esempio a Grosseto, nel contempo assicurando la sopravvivenza funzionale dello scalo senese.

  6. Affermazione del principio di sussidiarietà per quanto concerne la delega alla “gestione paesaggistica” di spazi e strutture pubbliche a gruppi di cittadini interessati (come Contrade e Italia Nostra)

  7. Civismo e Sicurezza – Lotta alla micro criminalità e al degrado attraverso la collaborazione con gli istituti scolastici e le Associazioni operanti sul territorio (come Libera) – Adesione del Comune ad “Avviso Pubblico” e potenziamento della Sicurezza urbana (Vigile di quartiere)

  8. Tutela della Festa Paliesca – Confronto diretto con le Istituzioni paliesche per giungere a definire le azioni atte a tutelare il Nome ed il regolare Svolgimento della Festa compatibilmente con le urgenti misure economiche da intraprendere in sede di Bilancio comunale e resesi necessarie da una gestione allegra e fallimentare dei due passati governi cittadini, aprendo la strada ad un coinvolgimento diretto delle Contrade nella gestione della Festa. Inoltre, per evitare che in futuro la Festa venga inquinata da manipolazioni partitiche, sarà necessario rendere incompatibili le cariche nelle istituzioni paliesche (Consorzio per la tutela del palio e Magistrato delle Contrade) con quelle a scopo politico – partitico.

4 – Piano di Sviluppo sostenibile a vocazione turistica e ambientale

  1. Ufficio Europa – Al fine di coprire quanto prima il deficit infrastrutturale che rende orfana la città di un accesso agevolato a scopo turistico e di una valida politica promozionale del turismo, l’Ufficio Europa dovrà incrementare la promozione e le richieste di finanziamenti europei per progetti a priorità infrastrutturale, primi fra i quali il trasporto diretto su rotaia per gli aeroscali di Firenze-Pisa e la Comunicazione multimediale a larghissima banda. A tali progetti sarà collegato il piano della “sosta” per favorire il parcheggio degli autobus fuori dall’area urbana, attraverso la costruzione e la valorizzazione di appositi “parcheggi scambiatori”. Il collegamento continuo alla città sarà garantito da Pollicini Elettrici contribuendo così alla riduzione dei volumi di traffico e d’inquinamento atmosferico-ambientale.

  2. Operazione Musei Gratis e sempre aperti – azione sinergica con soggetti pubblici e privati al fine di finanziare eventi e progetti culturali (ad es. Convenzione con l’Arcidiocesi per la predisposizione del biglietto unico Duomo – S. Maria della Scala). Individuazione di sponsor commerciale dell’opera d’arte.

  3. MusArTe in Città – concessione gratuita degli spazi comunali per produrre musica, arte e teatro a favore di artisti e associazioni d’ogni genere

  4. Centro del restauro – Creazione di un centro del restauro nei locali del Santa Maria della Scala mediante apposita convenzione con l’OPA, da realizzarsi tramite l’impiego di una parte degli utili di gestione in esecuzione dei fini statutari dell’ente stesso, con l’obiettivo di stabilire a Siena un importante polo di formazione nel campo della cultura e del restauro.

  5. Gestione locale delle eccellenze artistiche – Favorire la gestione locale delle eccellenze artistiche ed evitare che i principali musei della città siano gestiti da tour operators privati (in evidente conflitto di interesse) e da soggetti fiscalmente non residenti

  6. Siena capitale europea della cultura – rigenerazione ed implementazione del progetto “Siena capitale della cultura 2019”, a partire dal lavoro già sviluppato dal Professor Sacco, tramite il coinvolgimento di un più ampio contesto territoriale e sociale, allargando decisamente il perimetro e la qualifica degli interlocutori ed evitando così un progetto attualmente troppo autoreferenziale e circoscritto

  7. Green economy - introduzione di un sistema di regole certo e facilmente applicabile capace di assicurare uniformità di interpretazioni ed atteggiamenti della pubblica amministrazione e quindi possa consentire ai privati ed agli imprenditori di investire con sicurezza ed efficacia sui temi del risparmio energetico e della produzione di energia da fonti rinnovabili

  8. Produzioni locali – favorire la rilocalizzazione di imprese artigianali ed esercizi commerciali convenzionati per la produzione e la vendita di beni “Fatti a Siena”

5 – Politiche sociali e abitative

  1. Mercati sociali di quartiere – Concessione gratuita di spazi comunali a fronte della riduzione concordata dei prezzi dei prodotti agro-alimentari a km 0 a favore dei nuclei familiari residenti a basso reddito su base ISEE stabilita dal Comune

  2. Piano Casa – spostamento della Caserma Bandini e riqualificazione dei volumi esistenti a destinazione edilizia agevolata per giovani coppie, famiglie, artigiani

  3. Sportello etico No-Profit – il Comune accoglierà e successivamente valuterà segnalazioni di azioni ritenute vessatorie da parte di Equitalia e Creditori di origine finanziaria-bancaria nei confronti dei privati cittadini e artigiani-impresari residenti

  4. Testamento biologico – istituzione del registro dei cittadini favorevoli alla redazione del Testamento Biologico

  5. Trasporto scolastico – gratuito per studenti residenti delle scuole d’infanzia, primarie e secondarie

  6. Parcheggio Le Scotte – due ore di parcheggio gratuito per visita pazienti e utenza diagnostica

  7. Contrade e gruppi di acquisto solidale – valorizzazione del ruolo sociale delle Contrade mediante la creazione di Gruppi di Acquisto Solidale e la sperimentazione di valute locali (già sperimentato in Europa e in Italia) finalizzato alla promozione delle produzioni locali e al sostegno del reddito delle fasce di popolazione più deboli

Si può scaricare il documento in formato PDF per una comoda consultazione off-line o per la stampa: Programma Elettorale Siena5Stelle