Un MoVimento aperto

Il MoVimento Siena 5 Stelle, inizialmente “Amici senesi di Beppe Grillo“, nasce nel 2005. Da allora sono stati organizzati tantissimi eventi, dalla “V” in Piazza del Campo ai due V-Day a tante altre iniziative, tra cui lo spettacolo Reset! di Grillo a Siena nel 2007.

E’ sempre stato un gruppo aperto a tutti ed a tutto, senza preclusioni ideologiche né pregiudizi nei confronti delle tante persone che si sono avvicinate a noi, tra cui anche diversi personaggi politici in cerca di visibilità (aspettativa sempre delusa: il MoVimento 5 Stelle non appoggia né partiti né politici !)

Qualcosa però, negli ultimi anni, è cambiato. Non noi, che siamo sempre aperti a tutti, ma certe persone hanno cominciato ad avvicinarsi perché fiutavano nell’aria la possibilità di fare, attraverso il MoVimento, “carriera politica”. Sono i cosiddetti “arrivisti”, che cercano sempre di salire nel carro del vincitore, e che nella stragrande maggioranza degli altri partiti neppure riuscirebbero ad entrare dalla porta.

Da noi è diverso: abbiamo sempre accolto tutti con la massima disponibilità e fiducia, cercando di dare alle persone il tempo di emergere e di dimostrare al gruppo il loro valore.

Purtroppo accade che, talvolta, ci si avvicini al MoVimento credendo che la sua apertura democratica, esemplificata dal concetto di “uno vale uno”, significhi che ognuno ha diritto di fare ciò che vuole e pretende di poterlo fare. Questo principio ha anche dato modo ad alcune persone di “infiltrarsi” per spiare le nostre mosse: tentativi falliti, perché tutte le nostre azioni e riunioni si svolgono nella massima trasparenza e partecipazione.

In periodi caldi come quelli che preannunciano le tornate elettorali l’onda arrivista arriva sempre più alta: lo strabiliante risultato elettorale delle nazionali ha fatto sì che le prossime elezioni amministrative potessero essere trampolino di lancio per aspriranti “politici” che poco hanno a che vedere con lo spirito del MoVimento 5 Stelle.

Accade, ad esempio, che al momento di compilare la lista dei 32 candidati consigliere comunale per le Elezioni Amministrative di Siena, arrivino ben oltre 40 adesioni: come scegliere i candidati ?

Nello spirito del MoVimento, abbiamo convocato una riunione alla quale ci sono stati oltre 50 partecipanti. Alcuni non avevano modo, per motivi di lavoro, di partecipare ed hanno pertanto inviato un “giustificativo”, confermando o meno la loro disponibilità alla candidatura.

Durante la riunione è stata fatta una prima cernita basandosi prima di tutto sulla presenza fisica o invio del giustificativo: coloro che non si erano fatti sentire sono stati automaticamente depennati dall’elenco, non essendo in alcun modo confermata la loro volontà. Purtroppo non è stato sufficiente a raggiungere la soglia massima, pertanto alcuni aspiranti candidati, con umiltà e spirito di gruppo che fa loro onore, hanno deciso di fare un passo indietro.

Raggiunta così la quota dei 32 candidati, in assemblea, il problema lista sembrava risolto con successo: quale altra forza politica avrebbe potuto dimostrare un sistema così democratico e partecipativo ?

Purtroppo, come ho spiegato prima, talvolta c’è chi pretende (con molta poca umiltà) di esserci anche quando non ha risposto alla convocazione né intervenuto in assemblea, come se candidarsi fosse un “diritto”: è il caso, ad esempio, di Luca Giglioni, che dopo aver risposto affermativamente ad una prima disponibilità, non ha partecipato né all’assemblea né ha inviato alcuna comunicazione, reclamando -a lista ormai chiusa- il suo “diritto a candidarsi“:

Non si tratta di stare sul podio ma del diritto di esprimere opinioni e del diritto di candidarsi come un normale cittadino.

Vorrei anche chiarire che il suddetto dott. Giglioni aveva scelto, di sua spontanea volontà, di NON VOLER RICEVERE COMUNICAZIONI dal MoVimento, come ben dimostra il suo profilo sul Forum:

giglionimeetup

Ho deciso di scrivere questa lettera perché il successivo atteggiamento del dott. Giglioni, attraverso la sua Pagina Facebook, ha dell’incredibile, denunciando addirittura “atteggiamenti sospettosi” e “riunioni segrete” (link).

Sono sinceramente deluso ed amareggiato da tale atteggiamento, superficiale e puerile, che dimostra come certe persone non abbiano compreso lo spirito del MoVimento 5 Stelle, pur pretendendo di volerne fare parte. No, grazie, il MoVimento Siena 5 Stelle non ha bisogno di queste persone.

Michele Pinassi

Comments